“Cura Italia”, solidarietà tra enti pubblici, imprese e lavoratori per superare la crisi!

cura italia iovine

“Cura Italia”, solidarietà tra enti pubblici, imprese e lavoratori per superare la crisi!

Si sta attivando in tutta Italia una grande rete di solidarietà che coinvolge enti pubblici, imprese e lavoratori. Non solo gli organi ufficiali ma anche tante associazioni che si muovono per sostenere l’emergenza sanitaria e per dare un aiuto, in un momento in cui l’economia traballa come non accadeva dai tempi delle guerre.

Sono sufficienti le manovre del Governo? La cintura per proteggere l’economia italiana reggerà? Quali le misure per chi è in totale stato di indigenza?

E’ difficile prospettare scenari futuri, capire quando si tornerà ad una condizione di normalità ma intanto è necessario fare in modo che le misure adottate (fiscali, finanziarie, di sostegno al reddito) raggiungano il maggior numero possibile di persone; anche per evitare il ricorso al credito malato, l’usura.

Il problema in Italia è preoccupante considerando lo scarso livello di educazione finanziaria del nostro Paese, agli ultimi posti di questa speciale classifica.

L’anticipazione della cassa integrazione da parte della banche, per esempio, è una novità assoluta di collaborazione tra lo stato ed i privati e richiederà grande cooperazione tra le imprese ed i lavoratori.

Circolari, comunicati, provvedimenti degli enti locali, così come di quelli nazionali che si aggiungono alle azioni del Governo, sono numerosissimi.

Diventa dunque fondamentale fare informazione e fare chiarezza sulle tante misure a disposizione in questo momento ma anche in futuro quando si aprirà la fase 2 (la graduale uscita dal lockdown) e quelle successive per il ritorno alla normalità.

Ne abbiamo parlato sabato nella rubrica “Economia per tutti” con il dott. Luca Iovine e Raoul! Riascolta qui l'intervento:

android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.