"CIAO PINO..." LETTERA A PINO DANIELE DA RADIO KISS KISS

4.1.2017 pino

"CIAO PINO..." LETTERA A PINO DANIELE

Ciao Pino,

chissà come te la stai passando adesso. Sono passati tre anni da quando la tua voce se n’è andata in un qualche posto, lontana, troppo lontana da tutti noi. Ti immagino suonare la tua chitarra dal suono a metà tra Chicago e i quartieri Spagnoli, mentre canti quelle note per cui una città, un paese, il mondo intero, ti ricorderà per sempre.

Immaginarti in questo modo non è difficile, in fondo, sai? Ci sono cose che anche noi esseri umani, spesso distratti e di corsa, non riusciamo a scrollarci di dosso, e una di queste sono proprio le canzoni, le tue canzoni, che per ognuno di noi hanno significato e significano qualcosa di speciale. Sono un pezzo di cuore nascosto, quello più in fondo, quello tanto in fondo che riesce a toccare l’anima e a farti sentire, finalmente, bene.

Yes I Know My Way per le serate sfrenate, Napul’è per i vicoli di Napoli e per la sua gente, spesso rassegnatamente felice. Quanno Chiove per gli attimi successivi a un breve temporale estivo, Alleria per i momenti dove vorresti soltanto chiedere al mondo intero: “Perché proprio io?!”, e Quando, per il viso di una ragazza da accarezzare sotto le lenzuola, in un giorno disperato, mentre si pensa al futuro.

Tutte le tue canzoni, caro Pino, hanno sussurrato un: "ce la puoi fare”, un “Ma che te ne fotte?”. Ogni tuo album è riuscito a descrivere un pezzo della vita di ognuno di noi.

 

“Se tu fossi qui

sceglierei i momenti giusti da ricordare…”

 

Se tu fossi qui, caro Pino, adesso sorrideremmo pensando a quando alla fine degli anni ‘70 portavi i tuoi 45 giri a Radio Kiss Kiss, per far passare quei brani che poi sarebbero diventati la colonna sonora della nostra città. Quella Napoli che tu, come nessun’altro nella storia, sei riuscito a descrivere così tanto bene da far sentire anche l’odore della pizza e il rumore del mare, tra una nota e l’altra.

Per questo ti diciamo grazie Pino!

Grazie delle canzoni e delle note, delle mille interviste che ci hai regalato qui nei nostri studi. Grazie per essere riuscito a dare a questa città un’anima ancora più forte. Grazie per tutti i momenti in cui sei stato nostro amico, nostro confidente e nostro idolo!

Grazie per la musica, Pino. Grazie, perché senza le tue canzoni, questo sarebbe un mondo un po’ meno colorato.

 

android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.