MARTE: DEPOSITI DI SILICE SOSPETTI. UNA FORMA DI VITA?

21.11.2016.MARTE

MARTE: DEPOSITI DI SILICE SOSPETTI. UNA FORMA DI VITA?

di Francesca Buoninconti del Centro Studi di Città della Scienza

Hanno forma di dita e una “sospetta affinità” con delle strutture geologiche cilene. Sono dei particolari depositi di silice trovati sulla superficie di Marte dal rover Spirit della Nasa.

Dei particolari depositi di silice, dalla forma simile a quella delle dita, sono stati trovati sulla superficie di Marte dal rover Spirit della Nasa. Fin qui nulla di strano sembrerebbe. Ma secondo i ricercatori dell'Arizona State University, questi depositi silicei presentano una “sospetta affinità” con delle strutture geologiche cilene: quelle di El Tatio, modellate dai batteri nelle sorgenti termali più alte del mondo, per la precisione. Che siano dunque la prova di una vita extraterrestre? Lo studio, pubblicato su Nature Communications, lascia aperta la porta del dubbio. Per una risposta definitiva ci vorrà ancora tempo.

In realtà queste strutture non sono state avvistate di recente dal rover Spirit, ma nel 2007 per puro caso. All’epoca, Spirit era nei paraggi di Home Plate – una zona di Marte ricca di polvere vulcanica e materiale eroso – e a causa di un guasto al motore, la ruota anteriore destra non girava più, ma veniva trascinata. È così che Spirit avanzava scavando il terreno marziano, e proprio grazie a questa andatura che ha portato alla luce depositi di silice pura, circondati da “dita” ricche dello stesso minerale ma in tracce.

Questi depositi a forma di dita presentano molte affinita' con le formazioni geologiche del sito cileno, che sono nate per effetto delle rigide temperature notturne e dell'intensa esposizione ai raggi ultravioletti, e sono state poi 'scolpite' dall'azione di microrganismi.

Ma per capire se a forgiare le dita, sono stati dei microrganismi, e se quindi le dita marziane siano una firma della vita extraterrestre si dovrà attendere fino al 2020. Tra quattro anni, infatti la Nasa invierà un nuovo Rover su Marte e tra i siti candidati allo sbarco c’è proprio Home Plate.
android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.