5 CONSIGLI PER UN VIAGGIO A ZURIGO

21.5.2015.consiglizurigo

5 CONSIGLI PER UN VIAGGIO A ZURIGO: TUTTO QUELLO CHE DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE

Mi chiamo Carlotta, sono espatriata a Zurigo esattamente due anni fa, dopo un abbondante decennio di vita e lavoro milanese, in seguito ad una proposta di lavoro per mio marito. Ho un figlio di quasi cinque anni, amo follemente leggere e viaggiare, pratico e studio yoga, che spero potrà in futuro diventare anche più di un semplice hobby. Scrivo ormai da tre anni il mio blog personale "La vita a modo mio" e da due "Mama in Zϋrich: espatriare con famiglia" sul sito di Mammeonline.net, dove racconto aneddoti e curiosità di una vita straniera, anche se solo poco a nord delle Alpi.

Ecco i miei 5 consigli su come vivere al meglio Zurigo:

1. Come arrivare: in alternativa all’aereo o all’auto valutate anche il treno. Zurigo è collegata con Milano ogni giorno con treni diretti ogni due ore e la durata del viaggio è di quattro ore. Prenotando il viaggio con un certo anticipo è possibile trovare biglietti scontati sia tramite le ferrovie italiane, sia tramite le ferrovie tedesche. Viaggiare senza auto al seguito, poi, potrà essere un vantaggio durante il soggiorno in città: eviterete il traffico e i notevoli problemi (e costi!) di parcheggio.

2. Come spostarsi a Zurigo: senza ombra di dubbio sicuramente coi mezzi pubblici! Tram, bus e i treni della rete suburbana permettono di arrivare rapidamente e comodamente ovunque. In caso di permanenza di più giorni può essere consigliabile acquistare la ZϋrichCard, che consente viaggi illimitati sulla rete dei trasporti pubblici e ingressi scontati per i Musei le principali attrazioni della città.

3. Quando andare: il periodo migliore per visitare Zurigo è sicuramente durante la bella stagione, dalla primavera inoltrata (fine maggio) all’estate (inizio settembre), quando la città offre il meglio di sé. Altro momento estremamente affasciante è il periodo Natalizio (rinomati i mercatini e il famoso Singing Christmas Tree), anche se il clima invernale può essere rigido e non propriamente accogliente.

4. Cosa vedere assolutamente: da non perdere tutto il centro storico, con i suoi locali caratteristici, le chiese, i vicoli di Niederdorf. Una passeggiata lungo il lago fino a Zϋrichhorn (il parco più bello della città, dove è possibile anche una visita al Chinagarten), due passi lungo la Limmat (uno dei due fiumi che attraversa Zurigo). La vista della città dalla collina di Uetliberg (raggiungibile anche comodamente col treno). Se si viaggia con bambini sicuramente merita una visita anche il bellissimo Zoo. Gli amanti di Musei e gallerie d’arte hanno solo l’imbarazzo della scelta. Da non perdere, nella bella stagione, un pomeriggio con aperitivo al tramonto nei Badi (bagni all’aperto), così come in inverno un dolce al cioccolato nella storica pasticceria Sprϋngli. Infine, se siete amanti della musica house e techno, sappiate che ogni anno, ad agosto, Zurigo ospita la manifestazione più importante d’Europa: la Street Parade.

5. Può essere interessante sapere che…. Zurigo è una città molto accogliente per i bambini che sono generalmente sempre i benvenuti (da evitare magari il ristorante di lusso il sabato sera J). Sono presenti spazi verdi e di gioco pressoché ovunque, basta camminare per strada e si trovano praticamente senza doverli cercare. Fino ai 5 anni compiuti i bimbi viaggiano gratis su tutti i mezzi pubblici e normalmente entrano gratuitamente nei musei e in molte attrazioni turistiche (Zoo incluso). Nei ristoranti è normale trovare il Kindermenu, una selezione di piatti pensati appositamente per loro e a prezzi più convenienti. Da ultimo: per chi arriva dall’Italia può essere utile sapere che l’acqua minerale in Svizzera è molto costosa (una bottiglietta da mezzo litro, al bar, al ristorante o anche nei chioschi all’aperto può arrivare anche ai 5 Franchi!). La città, però, offre un’acqua dell’acquedotto molto buona (e freschissima!) facilmente accessibile a tutti, tramite una delle 1.200 fontane che si trovano un po’ dappertutto, anche in questo caso senza neppure la fatica di cercare troppo. Munitevi, quindi, di una bottiglia vuota o di una borraccia e approfittatene per fare anche un rilassante pic-nic in uno dei bellissimi parchi lungo la passeggiata a lago, gustandovi un Bratwϋrst!

 

 

android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.