TROPPO GRASSA PER LAVORARE: LA STORIA DI MARTINA E LA SUA RIVINCITA

21.10.2016.rivincita

TROPPO GRASSA PER LAVORARE: LA STORIA DI MARTINA E LA SUA RIVINCITA

Martina è una ragazza come tante: 26 anni, 140 chili di peso, 1 metro e 80 di altezza. Nel suo curriculum la qualifica di segretaria aziendale, ma a ogni colloquio la risposta è sempre la stessa “sei troppo grassa”.

Una ragazza con tanta voglia di fare, in sovrappeso per via di una disfunzione metabolica, che stanca delle tante porte chiuse in faccia per via del suo peso ha deciso di denunciare pubblicamente la sua storia ai quotidiani. “Sono pronta a fare qualsiasi cosa - dice - ho resistenza fisica e non mi stanco, sono i datori di lavoro che hanno sempre deciso per me, sostenendo che non avrei potuto muovermi fra i tavoli di un ristorante o stare in un front office perché il pubblico pretende bella presenza

Anche la parlamentare di Sel Marisa Nicchi si è mobilitata di fronte alla situazione di Martina, lanciando l’hashtag #unlavoropermartina e commentando così la vicenda “Quello che è accaduto è disumano - dice - le aziende si facciano avanti mostrando senso di responsabilità”.


Eppure un barlume di speranza si è finalmente acceso per Martina: dopo aver letto la storia della ragazza, un imprenditore che ha scelto di restare anonimo sulle pagine dei giornali, si è fatto avanti per proporle un colloquio. L’uomo ha dichiarato “stavamo già cercando qualcuno, e visto che Martina abita a Prato abbiamo pensato che fosse comodo sia per noi che per lei”.

Martina, che ormai aveva perso ogni speranza, ha ritrovato il sorriso, e commenta: «Sono frastornata ma felice, anche perché spero adesso, parlando a tutti del mio caso, di poter aiutare quelli che si trovano nella mia stessa condizione, e che spesso, lasciati soli, arrivano al suicidio». Da qui, spiega, l'intenzione di «aprire un call center per persone con disagi legati all'obesità, perché trovino qualcuno con cui confrontarsi».

Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.