FEDEZ IN TOUR CON RADIO KISS KISS

Radio Kiss Kiss è la radio ufficiale del tour di Fedez, dal 4 marzo al 23 marzo per tutte le principali città italiane!

Segui in video i messaggi esclusivi che Fedez realizza in ogni tappa per gli ascoltatori di Radio Kiss Kiss.

Fedez per Radio Kiss Kiss Fedez lancia il contest Fedez da Verona

Fedez arriva a bologna Fedez da Roma Fedez da Genova

Fedez da Milano Fedez da Varese

Il 5 marzo è stato pubblicato Sig. BRAINWASH, L’Arte di Accontentare, il nuovo album di Fedez, uno degli artisti più promettenti del panorama della musica italiana.

Fedez è il fenomeno rap del momento, e Radio Kiss Kiss lo seguirà durante il suo tour che ha preso il via il 4 marzo da Varese e attraverserà numerose città italiane fino alla tappa di Bologna del 23 maggio.


Biografia

Figlio del punk e dei centri sociali milanesi, inizia a farsi conoscere con lo street album "Pat-A-Cake". A dicembre 2010 esce "Anthem" il primo esperimento video che vede Fedez nelle vesti di video-maker.
A marzo 2011 esce "Penisola Che Non C'è", la seconda autoproduzione distribuita in free download e cantata su strumentali originali prodotte da JT.
Il self-made a 360 lo porta a girare, produrre e montare il video di "Tutto Il Contrario". Nella primavera del 2011 entra in contatto con DJ Harsh e grazie alla Zona Uno Booking inizia un'intensa attività live con il "Penisola Che Non C'è Tour", toccando oltre 30 club in tutto lo stivale e dividendo i palchi con Crookers, Club Dogo e molti altri. Durante il tour pubblica un mixtape di remix dal titolo "Tutto Il Contrario" che contiene "Ti Porto Con Me", vera e propria hit digitale basata sui beat di Master Mind, brano che segna il suo punto di svolta.
 
A luglio 2011 firma un contratto discografico con Best Sound, dove Tanta Roba / Zona Uno Booking hanno stabilito la loro sede operativa, continuando l'attività live come tour supporter a Gué Pequeno con oltre 40 date tra agosto 2011 e gennaio 2012. "Il Mio Primo Disco Da Venduto" (Best Sound / Tanta Roba), esce nell'ottobre del 2011 ed è reso disponibile in rete gratuitamente, vi partecipano i grandi nomi della scena italiana: J-Ax, Club Dogo, Marracash, Two Fingerz, Shablo, Entics. Il primo singolo è "Jet Set", seguito da "Vivere Domani". Nel mezzo, un tour partito a Febbraio 2012 caratterizzato da molti sold out e da date replicate più volte in tutta Italia.

Nel Maggio 2012 viene selezionato da MTV New Generation come 'Artista del Mese', piattaforma dalla quale viene lanciato il video di "Faccio Brutto", agli MTV Hip Hop Award dello scorso dicembre per lo stesso brano gli viene assegnato il premio ‘Best Song’.
Fedez è diventato in poco tempo un fenomeno mediatico alimentato in gran parte dal web, dove ha trovato terreno fertile con una diffusione virale senza precedenti. I suoi video sono visti da milioni di ragazzi di tutte le età, i suoi brani scaricati da centinaia di migliaia di utenti: Fedez è figlio della new technology e del do-it-yourself.

TESTO:
"Il cigno nero"

Fedez:
Il tuo cuore batte a tempo
ritmo nuovo mai sentito
e da quelo poco che l'ascolto
è già il mio pezzo preferito
mangio merda da vent'anni
ma non perdo l'appetito
poi mi fanno pure fare la scarpetta con il dito
labbra gusto di fumo
mischiate col Pampero
rende la testa pesante
ma il cuore più leggero
e tu sei il cigno nero
stanco di seguire il branco
e grande come il sole
ma freddo come il marmo
né giovani nè grandi
nel cuore piove grandine
stasera niente alcol
voglio bere le mie lacrime
e una crepa sopra il petto
che diventa una voragine
al quale non puoi fare le iniezioni di collagene
io sono senza scrupoli e tu sei senza carattere
togliamoci i vestiti ma teniamoci le maschere
se mi fissi bene non vedrai i miei occhi sbattere
sogno ad occhi aperti perdo l'uso delle palpebre

Francesca Michielin:
La lacrima che brucia
il vento la consuma
il nero che mi sporca
tanto poi si lava
e tutto ciò che ho perso
io lo perdo ancora
mi tengo dentro il vuoto
che di te mi resta

Fedez:
E a cosa servirebbe dirci che ci siamo amati
tanto quando esce il disco ci saremo già lasciati
godiamoci il momento perché prima o poi finisce
l'amore spesso prende ma poi non restituisce
io sto ancora aspettando il cuore che gli ho dato in prestito
se la vita insegna io sono un alunno pessimo
è come se facessimo una gara
è un inizio lungo ma alla fine non è poi così lontana
già, sei bella e dannata
la metà mancata di una mela avvelenata
e io cerco il sollievo in una dose di veleno
chi è stato allattato da chi ha le serpi in seno
la consapevolezza che non c'è certezza
vieni stammi vicina, sì ma a distanza di sicurezza
io ti ho dato un dito invece tu mi hai preso il cuore
e sono sempre stato incline agli sbalzi d'amore

Francesca Michielin:
La lacrima che brucia
il vento la consuma
il nero che mi sporca
tanto poi si lava
e tutto ciò che ho perso
io lo perdo ancora
mi tengo dentro il vuoto
che di te mi resta

Fedez:
E il tuo nome è stato scritto a matita
per poterti cancellare una volta finita
tra me e te sai
sei l'errore più bello della mia vita
il tuo nome è stato scritto a matita
per poterti cancellare una volta finita
tra me e te sai
sei l'errore più bello della mia vita
Francesca Michielin:
La lacrima che brucia
il vento la consuma
il nero che mi sporca
tanto poi si lava
e tutto ciò che ho perso
io lo perdo ancora
mi tengo dentro il vuoto
che di te mi resta


TESTO:
Si scrive schiavitù ma si legge libertà

Discorsi sull'umanità ne sento di tutti i tipi ma non siamo umani
siamo scimmie avvolte in bei vestiti figli senza valori ma molto ben
istruiti guidati da un sistema che da tempo ci ha inghiottiti
qui per
diventare grande ti serve davvero poco basta non finire dentro girone
degli invertiti
passare metà del tempo a sputare su chi è diverso per poi
nel tempo libero andare coi travestiti
ma questa è la mia nazione che pesa
sulle mie scelte gridando rivoluzione ma con le braccia conserte ora
che il beneficio lascia spazio benestare capisco quanto è avvilente
morire senza notare
nessun istinto di fuga solo un trascinarsi gliuni
sugli altri dentro una sovrappopolata cisterna

convinti ormai che il
mondo non ci avrebbe mai cambiati ci sentivamo pronti ma non lo
siamo mai stati max qua la verità è che si scrive schiavitù ma si legge
libertà scambio segni di pace al ballo degli emarginati ma è difficile
abbracciarsi quando hai i polsi legati ma qua la verità è che si scrive
schiavitù ma si leggi libertà

a cercare propaganda dei messaggi
insoliti non ho il carisma l' autostima dei tuoi personaggi scomodi sono
finto quanto te sono falso quanto te solo l'ultimo degli stronzi e
il primo degli ipocriti
Se Dio c'ha fatto a sua somiglianza non
credere al suo sguardo perché è lui che ci ha insegnato a saper piangere a
comando e dove c'è sofferenza c'è sempre dietro un guadagno e
se Dio non esistesse beh dovrebbero inventarlo e anche se non siamo
realmente dietro le sbarre questo mondo è una prigione con la cella un
po' più grande e prendere frasi fatte ficcarcele dentro in testa è
il modo più intelligente per dire quel che non penso e se il mondo
ti esclude chiudi nel tuo universo ma nulla che gira intorno si giri
intorno a te stesso

convinti ormai che il
mondo non ci avrebbe mai cambiati ci sentivamo pronti ma non lo
siamo mai stati max qua la verità è che si scrive schiavitù ma si legge
libertà scambio segni di pace al ballo degli emarginati ma è difficile
abbracciarsi quando hai i polsi legati ma qua la verità è che si scrive
schiavitù ma si leggi libertà

mangiare un piatto di polvere condito
con il sudore ma basta un po' di successo ne dimentichi il sapore
mio padre aveva ragione Guccini aveva ragione a far canzoni non si fanno le
rivoluzioni

convinti ormai che il
mondo non ci avrebbe mai cambiati ci sentivamo pronti ma non lo
siamo mai stati max qua la verità è che si scrive schiavitù ma si legge
libertà scambio segni di pace al ballo degli emarginati ma è difficile
abbracciarsi quando hai i polsi legati ma qua la verità è che si scrive
schiavitù ma si leggi libertà


android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.